Tutti gli articoli

SHAMPOO: 3 DRITTE PER SCEGLIERE QUELLO GIUSTO

Trovare lo shampoo del cuore da oggi sarà un gioco da ragazzi!
SHAMPOO: 3 DRITTE PER SCEGLIERE QUELLO GIUSTO

Scegliere lo shampoo giusto non è facile e a volte si tende a prediligere l’acquisto “di pancia”, magari dettato dalla curiosità o dall’ultima trovata di marketing, invece di indagare su quali sono le reali esigenze dei capelli.

E quando parliamo di capelli non dobbiamo mai dimenticare il cuoio capelluto, che spesso ci confonde, o perché ha esigenze completamente diverse dal capello o perché non riusciamo a coglierne i segnali e finiamo per trattare una cute grassa con prodotti per cute secca o viceversa.

Noi siamo qui per fare chiarezza e suggerirti 3 aspetti da tenere sempre in considerazione per scegliere lo shampoo adatto alle tue esigenze.

1 - ANALIZZA E RICONOSCI LE ESIGENZE DELLA TUA CUTE

Lo shampoo è un detergente, questo significa che agisce in superficie per eliminare sporco e impurità: ti consigliamo quindi di utilizzarlo per risolvere le anomalie della cute e di utilizzare maschera e conditioner, che agiscono in profondità, per risolvere problematiche  relative alle lunghezze. Ricorda che un cuoio capelluto equilibrato è alla base di capelli sani e forti, per questo il nostro consiglio è: parti dalla base.  

Com’è la tua cute? 

Cute grassa: osserva i tuoi capelli almeno 24 ore dopo il lavaggio, intorno alla riga. I primi 2-3 cm hanno un aspetto “bagnato”? Si tratta di cute grassa, accompagnata da capelli che si sporcano facilmente ed in qualche caso anche da forfora grossa e spessa che rimane aderente al cuoio capelluto: hai bisogno di uno shampoo sebo-normalizzante, dall’effetto astringente, in grado di detergere, eliminando grasso e impurità che si depositano sulla cute e sui capelli, ma allo stesso tempo di regolarizzare la funzione sebo-escretoria delle ghiandole sebacee presenti sulla cute.

La nostra dritta: non cedere alla tendenza di lavare i capelli tutti i giorni, perché  il massaggio stimola ancor di più la produzione di sebo, rischiando quindi  di avere   l'effetto contrario. 

Cute secca: è caratterizzata da desquamazione, con forfora più fina rispetto a quella provocata dalla cute grassa e provoca un prurito diffuso. In questo caso è necessario scegliere un prodotto delicatissimo, dalla consistenza oleosa, poco schiumoso, che idrati la cute senza aggredirla.

La nostra dritta: massaggia a lungo il prodotto, in modo da attivare la circolazione, a beneficio della cute. 

Cute sensibile: in alcuni casi il cuoio capelluto non presenta anomalie visibili come forfora secca o dermatite seborroica, ma provoca dolore o fastidi come prurito, bruciore e ipersensibilità, solitamente causate da agenti esterni, come ad esempio prodotti troppo aggressivi, che ne hanno alterato l’equilibrio. In questo caso sarà necessario correre ai ripari utilizzando uno shampoo lenitivo, che deterge e riporta il film idro-lipidico della cute al suo naturale equilibrio. 

Cute normale: è una cute che non presenta particolari anomalie: sarà importante mantenerla tale scegliendo uno shampoo che abbia un ph 5.5.  Oppure in questo caso puoi concentrare la tua scelta sulle esigenze delle lunghezze. 

2- HAI UNA CUTE NORMALE? PENSA ALLE LUNGHEZZE. 

Sono fini, normali, grossi, porosi, trattati, colorati, secchi? Non è facile definirli e lo sappiamo bene, ma allenandoti ad osservarli e ad ascoltarli, potrai capire qual è la loro natura.

Capello fino e fragile: solitamente si annoda e si spezza facilmente. Ha bisogno di uno shampoo ad azione rinforzante con una percentuale maggiore di sostanze grasse, che creano uno strato protettivo su tutta la lunghezza dei capelli.

Capello grosso: è un capello robusto e resiste maggiormente alle colorazioni e alle permanenti. Attenzione: robusto non significa impeccabile. Anche il capello grosso ha bisogno di idratazione! Scegli uno shampoo nutriente, ma con una formulazione adatta al grado di disidratazione delle tue lunghezze.

Capello secco e opaco: richiede le stesse accortezze necessarie per i capelli fragili, ma ha bisogno di un prodotto specifico che sia in grado di chiudere e sigillare le cuticole, per trattenere i componenti nutritivi all'interno e farlo risplendere di luce propria all'esterno!

Capello crespo:  sono capelli porosi e disidratati, che presentano squame sollevate che assorbono l’umidità dell’aria senza però trattenerla, dando vita al fastidioso effetto. Il capello crespo ha bisogno di una formulazione ricca, idratante e lisciante al tempo stesso, meglio ancora se il prodotto contiene un filtro barriera contro l'umido.

Capello normale: un capello normale ha bisogno di detersione e protezione. La soluzione migliore è uno shampoo extra-delicato adatto per lavaggi frequenti.

Capello colorato: per i capelli colorati esistono shampoo specifici che hanno diverse azioni: proteggono la chioma dai raggi del sole (i primi responsabili della degradazione della colorazione), sono iper delicati per far durare il colore più a lungo e spesso contengono pigmenti rafforza-colore, ad esempio tonalità rosse per le chiome ramate, marroni per i capelli castani, e così via. In questo modo in fase di detersione non solo si protegge efficacemente il colore cosmetico, si rende brillante, intensificandolo in maniera naturale. 

Individua la caratteristica predominante dei tuoi capelli e prova lo shampoo più indicato alle tue esigenze!

3- PENSA ALLE TUE ASPETTATIVE IN RELAZIONE AL PRODOTTO

Rifletti sul primo risultato che vuoi ottenere dai prodotti che utilizzi: preferisci ottenere risultati immediati, che si prolungano per tutto l’arco di applicazione del prodotto (es. fino a che non cambi shampoo), o sei disposta ad avere pazienza ed aspettare che i prodotti agiscano nel tempo, conservando gli effetti più a lungo?

Nel primo caso, hai bisogno di un prodotto ad effetto cosmetico: solitamente si tratta di un prodotto non naturale, che se promette di regalarti capelli lucidi, ti lascerà soddisfatta già al primo lavaggio. Smetti di utilizzare quel prodotto e gli effetti, in poco tempo svaniranno. E’ un prodotto che non funziona? Non è un buon prodotto? Assolutamente no, anzi! Semplicemente lavora sulla parte cosmetica del capello con principi attivi in grado di darti subito un risultato, lavorando principalmente nella parte esterna.  A livello visivo e tattile la fibra risulta immediatamente diversa. 

Nel caso tu sia una persona più concentrata sul risultato a lungo termine, allora puoi affidarti a prodotti ad effetto curativo: di solito sono prodotti naturali che hanno bisogno di almeno 10 applicazioni per arrivare al risultato che promettono lavorando più in profondità, ma assicurano un effetto più duraturo. 

Infine, non c’è un prodotto giusto e uno sbagliato, una formulazione corretta e una no; non ci sono motivi per demonizzare i siliconi o per esaltare sopra ogni cosa un prodotto naturale: il prodotto giusto è quello che ti dona l’effetto desiderato, che risolve le anomalie di cute e lunghezze e che ti lascia una sensazione di benessere.

Qui trovi tutta la nostra selezione di shampoo delle migliori marche.

1